Esercizio del diritto di voto - Unione Europea

Esercizio del diritto di voto e di eleggibilità in Italia alle elezioni comunali e circoscrizionali per i cittadini dell’Unione Europea

 

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

  • Visto l’art. 11 della legge 6 febbraio 1996, n. 52, concernente il “Recepimento della direttiva 94/80/CE delConsiglio sull’elettorato attivo e passivo dei cittadini dell’Unione europea residenti in Italia nelle consultazioni per l’elezione dei consigli comunali”;.
  • Visto il D.Lgs. 12 aprile 1996, n. 197, recante: “Attuazione della direttiva 94/80/CE concernente le modalità di esercizio del diritto di voto e di eleggibilità alle elezioni comunali per i cittadini dell’Unione europea che risiedono in uno Stato membro di cui non hanno la cittadinanza”;
  • Viste le circolari del Ministero dell’interno n. 70, in data 16 aprile 1996, e n. 134/03, in data 30 dicembre 2003;

 

RENDE NOTO

Tutti i cittadini dei seguenti Paesi aderenti all’Unione europea: “Austria, Belgio, Bulgaria, Ceca Repubblica, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria”, potranno votare per l’elezione diretta del Sindaco, del Consiglio comunale e circoscrizionale, nel Comune di residenza. Lo stesso diritto ha il personale diplomatico o consolare (ed il relativo personale dipendente dei consolati o ambasciate) degli Stati dell’Unione europea in Italia, pur se non residenti, e non già iscritti in nessuna lista aggiunta di altro comune italiano. Gli stessi cittadini possono presentare la propria candidatura a consigliere comunale o circoscrizionale.
Per l’esercizio dei detti diritti dovrà essere presentata, al Sindaco del Comune di residenza, o dimora, domanda di iscrizione nelle apposite liste elettorali aggiunte. Nella domanda, oltre all’indicazione del cognome, del nome, luogo e data di nascita, dovranno essere espressamente dichiarati:

  1. la cittadinanza;
  2. l’attuale residenza nonché l’indirizzo nello Stato di origine;
  3. la richiesta di iscrizione nell’anagrafe della popolazione residente nel comune, sempreché non siano giàiscritti;
  4. la richiesta di iscrizione nella lista elettorale aggiunta.

 

Alla domanda non presentata personalmente dovrà essere allegata fotocopia non autenticata di un documento di identità valido, come previsto dagli artt. 38 e 45 del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445.
Lo schema di domanda potrà essere ritirato presso questo ufficio elettorale. La domanda di iscrizione nelle liste elettorali aggiunte può essere presentata in ogni tempo e, in occasione del rinnovo del consiglio comunale, non oltre il quinto giorno successivo all’affissione del manifesto di convocazione dei comizi elettorali.

Data di ultima modifica: 05/01/2017


Documenti allegati
Esercizio diritto di voto cittadini dell'unione europea A.pdf Documenti Originale (9.8 KB)

Visualizza in modalità Desktop